Caschi per bici: consigli per la scelta

In Italia di per sé non esiste alcun obbligo sul dovere indossare un casco quando si va in bici. Per i ciclisti però è diventato con gli anni un dispositivo imprescindibile: infatti non da fastidio in alcun modo ma allo stesso tempo può salvare la vita. È bene indossare un casco sia quando si va a fare la spesa, sia quando si va in un bosco a fare downhill con una bella mountain bike. Il rischio infatti è sempre lo stesso!

Se siete in procinto di acquistare un nuovo casco oggi vi daremo qualche semplice consiglio per guidare la vostra scelta nella giusta direzione.

Le caratteristiche da valutare

Un casco ha lo scopo di proteggere il cranio da urti. Il suo scopo è quello di evitare brutti traumi cranici o di addirittura salvarvi la vita in caso di caduta ad una andatura normale. Non aspettatevi che possa salvarvi se cadete ad una velocità di cento kilometri orari, ne se venite investiti da un auto.

La prima caratteristica da valutare è la capacità di assorbimento degli urti. La normativa europea impone che tutti i caschi in commercio siano omologati per elevati standard di sicurezza. Controllate sempre che sia presente il marchio CE EN1078, soprattutto se state acquistando un casco che non è stato prodotto in Europa. Utilizzare un casco senza garanzie sarà come non averlo!

La calotta è la parte fondamentale poiché ciò che riveste la nostra testa. In genere è fatta di due materiali: policarbonato all’esterno e polistirene espanso all’interno. I due materiali possono essere o incollati tra di loro oppure fusi: questa è una caratteristica che differenzia i caschi più economici da quelli più costosi.

Secondo elemento fondamentale sono le cinghie di fissaggio. Assicuratevi che siano molto resistenti magari tirando anche qualche strattone e soprattutto che vi aderiscano bene al mento, solo così potrete essere ben protetti in caso di caduta.

Altro punto fondamentale per garantire confort durante l’uso è il sistema di areazione. D’estate è bene che nel casco entri molta aria: cercate quelli con una buona forma geometrica e provateli per vedere se sono comodi. Questa caratteristica però potrete realmente capirla solamente dopo il primo vero utilizzo su strada.

Prima dell’acquisto testate anche il sistema di regolazione presente sulla nuca. In genere si tratta di una rotella girevole, ma ultimamente si stanno sviluppando anche altre nuove tecnologie. Attraverso la prova potrete anche capire il peso del casco, un elemento da non sottovalutare!

Tenete d’occhio anche il costo: maggiore spesa non vuol dire per forza maggior sicurezza! Esistono indagini su internet che lo dimostrano, informatevi! Altri accessori utili posseduti da alcuni modelli sono visiere per proteggere dai rami nei boschi oppure retine per proteggere dagli insetti. Diciamo che queste caratteristiche sono un di più e non rendono un casco migliore di un altro.

Aspetto fondamentale è la prova! Non esitate a indossare il casco prescelto più volte prima dell’acquisto: è fondamentale controllare l’adesione alla propria testa per avere la massima sicurezza.

Ogni quanto sostituire il casco? Essendo fatto in plastica esso tende a deteriorarsi con gli anni: è bene cambiarlo ogni 5 o 6 anni. Anche in caso di forte urto o malformazioni non esitate ad acquistarne uno nuovo!

More Like This


Categorie


Bikelife

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi