Danimarca: a Odense il paradiso delle biciclette

Esiste un luogo nel quale la bicicletta è considerata il mezzo di locomozione principale per spostarsi da una parte all’altra della città e non solo tra gli adulti. Odense, terza città della Danimarca con una popolazione di duecentomila abitanti, è il paradiso delle biciclette; 4 persone su 5, infatti, scelgono di utilizzare questo mezzo di trasporto per gli spostamenti in città e lo fanno indipendentemente dal meteo.

Non è insolito, quindi, vedere bambini, a partire dai 5 anni di età, pedalare per raggiungere la propria scuola; a volte, sono affiancati dai genitori che, poi, deviano per l’ufficio.

Al contrario, è molto più difficile incontrare genitori che accompagnano i figli a scuola in auto; i pochi che scelgono di utilizzare i mezzi a motore, infatti, sono costretti a pagare un ticket per il disturbo arrecato al normale flusso di persone che decide, invece, di raggiungere la scuola a piedi, in bicicletta o in skate. Questo accade, per esempio, alla scuola elementare di St. Hans.

Ovviamente, questo vale anche per la Famiglia Reale che, tradizionalmente, accompagna i bambini a scuola in bicicletta; proprio la principessa Mary era stata immortalata mentre portava i figli a scuola utilizzando la sua cargobike, nonostante la neve.

Questa situazione sembra davvero difficile da immaginare per chi, come noi, si trova ad avere a che fare con una realtà piuttosto differente; Odense dispone di programmi specifici che consentono ai bambini di imparare ad andare in bici fin da piccoli come, ad esempio, il Cycle Happy School che insegna loro come comportarsi su due ruote nel traffico stradale. Per spronare ancora di più i ragazzi ad utilizzare la bicicletta, vi sono anche programmi come Cycle Score; in questo caso, gli istituti scolastici assegnano un biglietto della lotteria per ogni pedalata verso la scuola. Quali sono i premi? Ovviamente gadget per la bicicletta, t-shirt ed altri piccoli regali.

Tutto questo è possibile grazie ad un’incredibile rete di piste ciclabili sicure, separata dalle strade destinate ai mezzi a motore e destinata a crescere ancora di più in un prossimo futuro; con quasi 600 chilometri di percorsi riservati alle biciclette, Odense consente a genitori e figli di avere un percorso sicuro tra casa e scuola.

Tuttavia, anche le strade senza percorsi riservati sono sicure; le biciclette sono un mezzo comune nel paese e gli automobilisti vi prestano molta attenzione. A sottolineare questo, negli ultimi dieci anni, gli incidenti sono stati solo un paio e con danni del tutto trascurabili.

Secondo gli stessi cittadini di Odense, la bicicletta è ormai entrata a far parte della loro cultura; gli altri mezzi, come auto o autobus, vengono utilizzati solo in caso di viaggi molto lunghi. Questa iniziativa prende piede nel 1999, anno in cui Odense viene proclamata “città danese per le bici”; l’Amministrazione comunale decide di vagliare un ambizioso piano quadriennale 20-20-20 che intendeva incrementare del 20% gli spostamenti su due ruote, oltre a ridurre del 20% gli incidenti in bici ad un costo di soli 20 milioni di corone. L’esperimento ha decisamente funzionato ed il numero degli spostamenti su due ruote è in aumento.

Foto by Kristian Bang (Own work) [CC0], via Wikimedia Commons.

More Like This


Categorie


Bikelife

Add a Comment

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi