Portapacchi cicloturismo: quale scegliere per viaggiare?

Per chi viaggia regolarmente in bicicletta si tratta di un accessorio fondamentale; e il portapacchi per bici lo è a tutti gli effetti, vista la grande utilità e versatilità che mette a disposizione. Non tutti i portapacchi sono uguali e quando si tratta di acquistarne uno nuovo bisogna tenere in considerazione diversi aspetti, per fare una valutazione completa e scegliere quello più adatto al proprio stile di viaggio.

Il trasporto dei bagagli

L’utilizzo del portapacchi per bici è solamente uno dei modi con i quali si possono trasportare gli oggetti quando si viaggia in bicicletta, ognuno con le proprie peculiarità. Il modo più semplice e diffuso è quello dello zaino, nel quale stipare le proprie cose; un altro strumento è quello dei carrelli, che si agganciano alla parte posteriore della bicicletta.

Quali aspetti valutare

I portapacchi per bici, come vedremo nel paragrafo dedicato, sono la soluzione migliore per i viaggi, soprattutto quelli a media e lunga percorrenza, è importante capire quali sono gli aspetti da valutare per scegliere il modello che meglio rispecchi le vostre necessità.

Un primo elemento da valutare è quello del materiale con il quale è realizzato il portapacchi; in commercio ne esistono di diverse leghe, come l’acciaio, l’alluminio o il titanio, ma in termini di rapporto qualità-prezzo, quelli in alluminio sono i più diffusi, anche perché garantiscono un’ottima resa sia in termini di resistenza che di leggerezza.

Fondamentalmente sono tre gli altri aspetti da valutare nella scelta di un portapacchi: la portata, la dimensione dei cerchi e il tipo di bici. Per quel che riguarda la portata è evidente come molto dipenda da quanto materiale si deve trasportare (e questo dipende anche dal tipo di viaggio che si vuole intraprendere); per la dimensione dei cerchi bisogna ovviamente acquistare un portapacchi che possa essere montato sulla propria bici e, ancora, molto dipende dal tipo di biciletta. Se utilizziamo una mountain bike, ad esempio, è importante verificare il tipo di impianto frenante e che sia in grado di sostenere un peso maggiorato.

Infine una nota sul posizionamento. Solitamente i portapacchi vengono installati solamente sulla parte posteriore della bicicletta, ma ne esistono anche per la parte anteriore. Chiaramente molto anche in questo caso dipende dalle necessità e dal tipo di viaggio che si deve svolgere.

Perché scegliere un portapacchi per bici

Nonostante i vantaggi dello zaino (è più economico) e del carrello (potrebbe essere più spazioso), la scelta dei portapacchi per bici appare come la più vantaggiosa, sotto diversi punti di vista. Innanzitutto scegliendo un portapacchi per biciletta si evita di appesantire le spalle con uno zaino, soprattutto per i viaggi più lunghi e su strade più irte e poco pianeggianti. Rispetto al carrello, inoltre, il portapacchi è molto più economico e si evita di dover trasportare un accessorio comunque ingombrante e voluminoso. I portapacchi, inoltre, permettono di distribuire il peso dei propri bagagli e, aspetto da non sottovalutare, di dividerli in base all’utilizzo, permettendo un maggior controllo su di essi e sapere, quindi, dove trovare ciò di cui si ha bisogno in qualsiasi momento, senza dover rovistare alla rinfusa all’interno dello zaino.

More Like This


Categorie


Bikelife

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi