Informazioni utili sulla pressione delle gomme della bici

Gli amanti della bicicletta sanno bene che la manutenzione dei pneumatici è fondamentale. E’ importante controllare spesso la loro pressione, sopratutto se la bici viene usata di rado perché le gomme si sgonfiano anche a riposo.

Succede sempre perché in tutte le camere d’aria c’è una minima uscita d’aria, per cui è buona cosa dedicarci tempo e regolare la pressione di tanto in tanto. Per avere una tenuta ottimale bisogna considerare il copertone, la camera d’aria e il flap. Quest’ultimo, detto anche paranipples, è una fascia di protezione situata tra camera d’aria e cerchio della ruota.

Ovviamente se tutti i componenti suddetti sono in buono stato si passa al controllo della pressione. E’ consigliabile effettuarlo ogni due settimane con una pompa a manometro per avere sempre un mezzo efficiente e sicuro.

Come si calcola la pressioni dei pneumatici

Sono due le misure più diffuse per regolare la pressione dei copertoni. Il bar o atm che indica le atmosfere. Questa unità di misura si usa moltissimo anche per le automobili.

L’altra è il psi, misura utilizzata nel mondo anglosassone per rilevare la pressione. La sigla sta per pound force per square inch ovvero libbre per pollice quadrato. In ogni caso nel sistema mondiale la pressione si registra con l’unità di misura pascal.

Le ruote di una bicicletta più sono sottili e più necessitano di maggiore pressione. Ad esempio una classica bici da città in genere ha ruote con pressione tra i 4 e i 5 bar. Al contrario una bici da corsa può avere penumatici con una pressione di 11 atm.

Per non creare confusione dobbiamo ricordare che sul copertone è indicata la pressione minima e massima alla quale gonfiare le gomme.  Eccezioni a parte, la regola dice che viaggiare con una pressione inferiore a 0,5 – 1,0 atmosfere è una buona norma.

Pressione gomme bici

L’attrito volvente cambia a seconda che la pressione sia troppo alta o troppo bassa: è basso se la pressione è alta ed elevato se la pressione è bassa. Esistono infatti pregi e difetti qualsiasi pressione si decida di dare agli penumatici.

Pressione alta

Con la pressione alta si riduce di molto il rischio di forare e quello di pizzicature. Il ciclista non fa fatica e la scorrevolezza dell’andatura è migliore perché c’è meno superficie della gomma a contatto con la strada.

Tra gli svantaggi c’è il fatto di sentire molto di più le irregolarità del terreno per cui il ciclista avverte moltissimo le vibrazioni.

Pressione bassa

Uno dei pregi dell’aver copertoni con pressione bassa è una migliore aderenza alla strada data dalla più ampia superficie a contatto con il terreno. Sui terreni sconnessi e in caso di precipitazioni la guida è più sicura e si avvertono molto meno le vibrazioni.

Il difetto principale è la maggior fatica fisica che deve fare il ciclista nella guida. Questo perché l’attrito aumenta in maniera esponenziale. La pressione troppo bassa porta ad uno sfregamento della camera d’aria con il copertone e verso un suo indebolimento. Potrebbe anche tagliarsi, andando a finire tra copertone e cerchio. E questo comporta la cosiddetta pizzicatura, un tipo di foratura difficile da riparare.

More Like This


Categorie


Bikelife

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Informativa cookie se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Informativa cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi